MIGLIORE TARIFFA GARANTITA

PRENOTA ORA

Checkin:
Checkout:
Camere:
Persone:
Promo Code:
Hotel-Castelvecchio-Castel-Gandolfo-ristorante-41

Hotel Castel Vecchio
Castelli Romani

CASTELLI ROMANI, tra Storia e Leggenda...

Il Lago Albano, sulla cui costa è ubicato l’Hotel Castel Vecchio, è frutto di un imponente complesso eruttivo, noto come il Vulcano Laziale, che sprofondando ha dato origine ai laghi di Castel Gandolfo e Nemi e ai Colli Albani, costituiti da: Castel Gandolfo, Rocca di Papa, Albano, Ariccia, Frascati, Genzano, Grottaferrata, Lanuvio, Marino, Nemi e Velletri. 

Secondo il mito, già quattro secoli prima della fondazione di Roma (753 a.C.) Ascanio, figlio di Enea, eresse sulle sponde di questo Lago la città di Alba Longa, antica capitale della Lega Latina.
Tredici Re si susseguirono sul trono di Albalonga. Alla successione del Re Proca, il legittimo erede Numitore venne scacciato dal fratello Amulio, che s’impossessò del potere uccidendo i figli del fratello e imponendo a sua nipote Rea Silvia di diventare sacerdotessa di Vesta, affinché rimanesse vergine.

Rea Silvia, sedotta dal Dio Marte, mise al mondo due gemelli, Romolo e Remo, salvati e allattati dalla mitica Lupa, ed eredi legittimi al trono, nonché padri fondatori di Roma. 
Il mito vuole che la “Lupa” (dal latino lupa: prostituta) fosse una donna di facili costumi che, dopo aver svezzato i due gemelli, li vendette a una coppia di ricchi pastori del luogo: Faustolo e Acca Larentia.

Romolo e Remo, esplorando dai Colli Albani le distese in prossimità del Mar Tirreno e del Fiume Tevere, decisero di tracciare in quei luoghi il solco che determinò i loro rispettivi confini: Remo sull'Aventino avrebbe voluto fondare una città chiamata Remora, mentre Romolo sul Palatino una città chiamata Roma. E sappiamo tutti come andò a finire…

In epoca tardo Repubblicana, l’intera area di Albalonga fu interessata dall'insediamento di numerose ville patrizie, tra cui: la villa dell'Imperatore Domiziano, conservata nei Giardini Pontifici di Castel Gandolfo, e la villa dell’Imperatore Caligola, sulle sponde del lago di Nemi. Nell’odierna Albano Laziale, l’Imperatore Settimio Severo stabilì gli accampamenti della II Legione Partica e nell’intera area dei Colli Albani furono edificate delle fortificazioni, dette castra: il termine ha ispirato la denominazione “Castelli Romani”. Successivamente, dal 1600, sulle rovine degli antichi castra vennero erette numerose residenze aristocratiche delle più importanti Famiglie di Principi: Barberini, Colonna, Chigi, Ruspoli, Sforza Cesarini, Aldobrandini...

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Cliccando sul pulsante Acconsento si autorizza l'uso dei cookie.

ACCONSENTO